Home | Storia | Estate 2016 | Dona il 5 per Mille
Oggi è 23 Giugno 2017


"Nulla è piccolo agli occhi della fede in ciò che si opera per Gesù Cristo Signor nostro tutto è grande giacché in tutto c'è Gesù Cristo"

(Rosmini)

Monumenti e Fontane



Monumento del Capannone


18 Febbraio 1978



Nevicava, nevicava...

Una telefonata da Croveo: «Venite a vedere subito! Al Treno deve essere successo qualcosa!».
Incredibile, ma vero. Il capannone lungo 24 metri e largo 18, è solo un groviglio di ferri contorti...
La tentazione di lasciare tutto si insinua...
È stato scritto da un cronista, e più o meno è il pensiero di tutti: «Il Treno dei Bimbi o della Speranza è di tutti, più che una struttura è un simbolo di amore ai bimbi, di Fede, di risolvere con poco, tanto, di speranza, di fraternità. Per questo deve vivere, deve rivivere meglio. È caduto il capannone... si rifarà! E la provvidenza a luglio ce lo riconsegna, più bello e più solido... Grazie!
Entrando alla chiesetta si incontra un piccolo monumento, un groviglio di rottami... un piccolo bambino... una scritta:



«18 Febbraio 1978 - Sotto un cumulo di neve mai vista,
è crollato il capannone...
Tra il groviglio di rottami sono rimasti intatti
il Gesù Bambino, con la mano protettrice
della Mamma, la Madonna
il Cristo, il Bambino
vince sempre.
La mano della Mamma, la Madonna
protegge sempre... »

 



Monumento "Signora delle Cime"


Nel 2002, anno internazionale della Montagna, viene eretto il Monumento della "Signora delle Cime"


 



1997 - Gesù Cristo: ieri, oggi e sempre, unico Salvatore del mondo



All'ingresso del Villaggio è possibile ammirare una
singolare opera artistica:
Un Cristo costruito con intrecci di filo di ferro dell'artista Margiotta Cesare

 



Fontana del Ferroviere


(Restaurata nel 2008)



"Laudato si mi Signore
per Sora Acqua
La quale è molto utile et
pretiosa et casta"

"Ricordando l'Amministrazione Ferroviaria
dal Ministro
al più giovane ferroviere che
con grande cuore
vollero per i bimbi
Il Treno dei Bimbi"

---

"Ricordando tutti coloro
che in ogni modo
con il terreno,
il lavoro e il buon cuore
fanno camminare
ogni giorno
Il Treno dei Bimbi"

 



Il Mare della Pace




 



Laghetto "San Francesco"



Con il Cantico delle Creature

 



Storia di una Campana



"Sono nata a Bochum in Germania. Mi hanno battezzata: "Campana della Madonna".
Accompagnavo con il mio suono gioie, dolori, avvenimenti di tutta la Città...
La guerra mi tolse dal campanile, dovevo diventare un cannone distruttore;
mi hanno caricata su un vagone per l'Italia...
Giunsi alla Sisma di Villadossola; un cuore buono, silenziosamente, mi mise in un canto,
rimasi per anni nel mio rifugio...
Un altro cuore buono parlò ad un frate e mi tolsero
dalla fabbrica, dal fuoco.
Sto attendendo un campanile!
So che hanno scritto alla mia città, se mi vogliono ancora...
Ora sto bene anche qui nel verde, tra bimbi, tanta gente...
Anche senza campanile, posso essere simbolo, una voce forte che canta...
Pace... Pace e Amore!!!"